Meetings in Software Engineering & Programming Languages

Next Meeting

Titolo:   L'azienda LIST si presenta al Corso di laurea in Informatica
Data:   Martedì 17 Novembre 2015
Ora:   14:15
Luogo:   Aula 710 - VII piano, DIBRIS (Via Dodecaneso 35), Università di Genova


LIST is a privately owned company founded in Pisa in 1985 with the mission of designing and developing cutting edge software technology for mission critical applications.

Today LIST has 30 years experience in developing innovative high performance IT solutions for banking and finance.

LIST Capital Market Suite is based on FastTrade, a common proprietary technological infrastructure, designed and developed in-house. FastTrade is a technological platform specifically designed for Financial Data Stream Processing that provides:

  • Distributed architecture
  • Process scalability (across different HW nodes or CPU cores & for specific functional modules) for optimal performances, stability and bandwidth
  • Resilience, fault tolerance and load balancing

DYMA is a web-based data modelling framework designed by LIST to easily create data-centric enterprise solutions with user configurable business logic.

DYMA solutions share a number of common features, including:

  • Interactive data model definition
  • Automatic GUI creation based on the data model
  • Database implementation abstraction

Previous Meetings - List

Previous Meetings - Details

Titolo:   Generative programming in 42
Relatore:    Dr. Marco Servetto
Data:   Giovedì 19 Febbraio 2015
Ora:   14:30
Luogo:   Aula conferenze DIBRIS (Via Dodecaneso, 35) - III piano - stanza 326bis


Language 42 offers a very safe and strong metaprogramming system, seamless integrated with conventional programming. In this way a simple purely nominal type system with no genericity and polymorphism can support generics, maps and folds. Pushing to the limit this mechanism, we obtain Class Decorators: objects that takes a class and "improve it” by adding useful methods, like equals and toString. Class Decorators can be naturally composed, and the design of a Class Decorators library is currently in progress.

Titolo:   Il Framework COBIT5® - Principi di IT Governance & Management
Relatore:    Alberto Piamonte,   Fabrizio Bulgarelli
Data:   Mercoledì 28 Maggio 2014
Ora:   14:00 - 15:30


Le caratteristiche del framework Cobit5®

  • Genesi, evoluzione ed attuale architettura del Framework
  • La Visione globale di COBIT5®
  • COBIT5® come integratore di standard e framework diversi
  • Riconoscimenti ed adozioni formali di COBIT5®
  • Come ottenere COBIT5® e la documentazione, strumenti, certificazioni relativi

Aree di possibile intervento

  • Come identificarle
  • Come valutare ed introdurre eventuali miglioramenti relativi a:
    • Processi
    • Strutture organizzative
    • Informazioni di cui disporre per indirizzare e gestire l’utilizzo dell’IT in azienda
    • Servizi da erogare, infrastrutture ed applicazioni
    • Persone: competenza ed esperienza
  • Esempi di utilizzo ed esercizi

Process Capability assessment

  • Capacità di un processo di produrre i risultati attesi
  • Il modello COBIT5® e lo standard ISO 15504
  • Il Processo di Assessment : un esempio pratico

Titolo:   Activity Diagrams Patterns for Modelling Business Processes
Relatore:    Prof.  Christine Choppy,   Dr.  Etienne Andrè
Affiliation:   LIPN, UMR CNRS 7030 - Université Paris 13 - Sorbonne Paris Cité
Data:   Mercoledì 02 Aprile 2014
Ora:   15:30 - 16:30


Designing and analysing business processes is the starting point of the development of enterprise applications, especially when following the SOA (Service Oriented Architecture) paradigm. UML activity diagrams are often used to model business processes. Unfortunately, their rich syntax favours mistakes by designers; furthermore, their informal semantics prevents the use of automated verification techniques. In this work, (i) we propose activity diagram patterns for modelling business processes, (ii) we devise a modular mechanism to compose diagram fragments into a UML activity diagram, and (iii) we propose a semantics for the produced activity diagrams, formalised by coloured Petri nets. Our approach guides the modeller task (helping to avoid common mistakes), and allows for automated verification.

An introduction on (colored) Petri nets will be given first, together with a glimpse on science at University Paris 13 and our research group on specification and verification within LIPN (Laboratoire d'Informatique a Paris Nord).

Titolo:   Le Ditte si presentano al DIBRIS: ERICSSON Genova
Relatore:    Dott.  Pietro Policicchio,   Dott.  Bruno Demartini
Affiliation:   ERICSSON Genova
Data:   Lunedì 09 Dicembre 2013
Ora:   14:00 - 16:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


ERICSSON Genova organizza una presentazione rivolta in particolar modo agli studenti in cerca di un tirocinio aziendale (o prova finale / tesi) ma può essere di interesse anche a ricercatori, professionisti IT e studenti tutti come primo contatto con la ditta. In particolare, saranno presentate:

  • l’azienda (relatore Dott. Pietro Policicchio)
  • Test Automation (relatore Dott. Bruno Demartini)
  • le linee produttive rispetto alle quali verranno presentate delle proposte di tirocinio (relatore Dott. Bruno Demartini)

Titolo:   Development of Software Front Ends with Model-Driven Approaches: the case of OMG's IFML (Interaction Flow Modeling Language)
Relatore:    Ing.  Marco Brambilla
Affiliation:   Politecnico di Milano
Data:   Lunedì 02 Dicembre 2013
Ora:   14:00 - 16:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


Model-driven development (MDD) is an emerging approach to software development that leverages on models and model transformations for increasing productivity, understandability and maintainability of software artifacts.

This talk focuses on MDD applied to the front end (aka, view layer) of software applications. The talk introduces the principles of MDD and the advantages of applying them to front end design. It also summarizes the basic aspects of the new OMG (Object Management Group) standard IFML (Interaction Flow Modeling Language), a domain-specific modeling language for front end specification. IFML is the missing piece for modeling the front end of software applications and perfectly complements other modeling dimensions in broad system modeling projects. Therefore, the talk describes its use integrated with other modeling languages in the MDA suite, such as UML (UML activity diagrams, sequence diagrams, and class diagrams) and BPMN.

The approach will be shown in use with a model-driven tool called WebRatio. Finally, the talk presents some case studies that apply IFML on large-scale software development projects. Quantitative measures of productivity are reported too

Titolo:   Le Ditte si presentano al DIBRIS: Infinity Technology Solutions S.p.A.
Relatore:    Dott.  Luigi Lupo,   Dott.  Ubaldo Rauso,   Dott.  Giuliano Trifoglio,   Dott.  Cristiano Spadaro
Data:   Mercoledì 09 Ottobre 2013
Ora:   14:30 - 16:00


Il 9 Ottobre ore 14.30 in Sala Conferenze III piano (Via Dodecaneso, 35), Infinity Technology Solutions S.p.A. organizzerà una presentazione:

  • relativa all’azienda (relatore Luigi Lupo)
  • sulle linee produttive rispetto alle quali verrà presentata una proposta di tirocinio; nello specifico Mobile (relatore Ubaldo Rauso), Business Intelligence (relatore Giuliano Trifoglio) e soluzioni e servizi di formazione avanzata (relatore Cristiano Spadaro).

L’intervento è rivolto in particolar modo agli studenti in cerca di un tirocinio aziendale ma può essere di interesse anche a ricercatori, professionisti IT e studenti tutti come primo contatto con la ditta.

Infinity Technology Solutions S.p.A. fornisce soluzioni e servizi di consulenza nell'ambito dell’automazione industriale e dei sistemi IT applicati alla produzione e distribuzione dell’energia, ai processi produttivi di tipo discreto, continuo e ibrido, alla logistica, alla distribuzione e ai trasporti.

L'azienda è stata fondata nel 2008 ed è in costante crescita. Oggi, ITS ha uffici a Genova e Milano. I clienti di ITS si possono trovare in tutto il mondo: in Italia, in Europa, in America e in Asia.

L’ambizione di ITS è quella di essere un partner affidabile per le imprese, in grado di realizzare sistemi di automazione e sistemi IT efficienti, flessibili e innovativi.

Titolo:   Be Agile, Lean and Market-driven for Software Products that People Want to Buy
Relatore:    Ing.  Donato Mangialardo
Data:   Mercoledì 19 Dicembre 2012
Ora:   14:00 - 16:00


We are Agile. We have built and shipped our product. Several times. We have tweaked functionalities and fixed bugs. Everything works as intended However, the conclusion we have to draw is always the same… Our intended customers don’t like our product. They simply won’t buy it.

"We have well executed a plan to achieve failure." (Eric Ries, the Lean Startup)

This too-often real example ignites this seminar's topic, which is aimed to inspire product organizations - especially the Agile/Lean ones - to connect to the business. In other words, market-driven. Despite the fantastic growth of the Agile movement, there is often still a gap between successfully building software and commercial success in the market. It's beyond the "MVP". Pragmatic methodologies and real examples will be used.

Titolo:   Becoming Agilists: Putting the Reality Before the Plan
Relatore:    Ing.  Andrea Bocchio, Dott.  Cristiano Spadaro
Affiliation:   eXact learning solutions S.p.A.
Data:   Mercoledì 12 Dicembre 2012
Ora:   14:00 - 16:00


A journey with eXact learning solution into software development models from chaotic, ad hoc and individual heroes implementation to agile approaches passing through waterfall and V-model.

Titolo:   Model-driven development of Web applications: the case of WebML
Relatore:    Ing.  Marco Brambilla
Affiliation:   Politecnico di Milano and Web Models Srl
Data:   Mercoledì 07 Dicembre 2011
Ora:   14:00 - 16:00


Besides the widespread access to B2C web applications, the Web is becoming the platform of choice for modernization of enterprise software too. While most of of the applications are still handcrafted, the complexity, size, and continuous evolution of Web applications demand for more solid engineering methods, design languages, and tools.

In this seminar I will present our experience in Web engineering, by discussing the Web Modelling Language (WebML), a visual notation and method for specifying the user interaction features of Web (and multi-device) applications.

I will describe the language and the challenges of modeling user interactions blended with web service invocations and business process specifications.

I will also present the WebRatio toolsuite and a few real industrial scenarios where the method has been applied.

For more information:

Titolo:   Kinect For Windows SDK Beta: overview of Depth data, Skeleton Tracking and Voice Recognition
Relatore:    Dott.  Mauro Giusti
Affiliation:   Microsoft Usa
Data:   Mercoledì 23 Novembre 2011
Ora:   14:00 - 16:00


The Kinect for Windows SDK beta is a programming toolkit for application developers. It enables the academic and enthusiast communities easy access to the capabilities offered by the Microsoft Kinect device connected to computers running the Windows 7 operating system.

The Kinect for Windows SDK beta includes drivers, rich APIs for raw sensor streams and human motion tracking, installation documents, and resource materials.

It provides Kinect capabilities to developers who build applications with C++, C#, or Visual Basic by using Microsoft Visual Studio 2010. In this talk we will give an overview of the SDK features such as:

  • Raw sensor streams access
  • Skeletal Tracking
  • Speech recognition

Titolo:   On the Evolution of Source Code and Software Defects
Relatore:    Dott.  Marco D'Ambros
Affiliation:   Faculty of Informatics - University of Lugano
Data:   Mercoledì 25 Maggio 2011
Ora:   12:00 - 13:00


Software systems are subject to continuous changes to adapt to new and changing requirements. This phenomenon, known as software evolution, leads in the long term to software aging. The size and the complexity of systems increase, while their quality decreases. In this context, it is no wonder that software maintenance claims the most part of a software system's cost. In the last two decades, researchers have focused on mining and analyzing software repositories, to understand software evolution and support maintenance activities.

In this presentation, we propose an *integrated* view of software evolution that combines different evolutionary aspects. Our hypothesis is that an integrated and flexible approach supports an *extensible* set of software maintenance activities. To this aim, we present a meta-model that integrates two aspects of software evolution: source code and software defects. We implemented our approach in a framework that, by retrieving information from source code and defect repositories, serves as a basis to create analysis techniques and tools.

To validate our hypothesis, we devised and evaluated, on top of our approach, a number of analysis techniques that achieve two main goals:

  1. Inferring the causes of problems, and
  2. Predicting the future of software systems.

Titolo:   Industry Best Practices in Modeling User Requirements for Software Applications
Relatore:    Ing.  Donato Mangialardo
Affiliation:   eXact learning solutions S.p.A.
Data:   Mercoledì 18 Maggio 2011
Ora:   16:30 - 17:30
Download:   Presentazione in PDF PDF


When user requirements are just handed over to software engineers, they are asked to guess as opposed to build software applications that solve real needs. On the other end, when software engineers are involved early in the process in the modeling phase of user requirements, the results are predictable and reliable. We will show a few well tested methods and industry best practices that lead to winning software products, together with real examples.

Titolo:   Presentazione della società: eXact learning solutions S.p.A.
Relatore:    Ing.  Donato Mangialardo
Affiliation:   eXact learning solutions S.p.A.
Data:   Mercoledì 18 Maggio 2011
Ora:   15:30 - 16:30


eXact learning solutions S.p.A. (ex Giunti Labs) è un gruppo di società leader nelle soluzioni Technology Based Learning e new media con un organico di più di 100 persone fra dipendenti e collaboratori distribuito in varie sedi in Italia ed all’estero. Le principali aree di attività consistono in:

  • progettazione e sviluppo di contenuti digitali su base commissionata per media digitali interattivi (ad es. cdrom, dvd, web, ipTV, mobile 3G) per applicazioni di ePublishing, eKnowledge ed eLearning;
  • progettazione e sviluppo di soluzioni architetturali per il content management, la comunicazione multimediale su periferiche 3G wireless e mobile (ad es. servizi per accesso location based su periferiche di telefonia 3G, wearable computer per la manutenzione industriale sul campo ecc.);
  • attivazione e sviluppo di progetti internazionali di Ricerca e Sviluppo nelle aree new media, content management, virtual reality e soluzioni e servizi 3G mobile;

Generazione Automatica di Test per Analisi di Copertura di Software Safety Critical utilizzando Bounded Model Checking
Relatore:    Ing.  Massimo Narizzano
Affiliation:   DIST - Università di Genova
Data:   Mercoledì 11 Maggio 2011
Ora:   14:00 - 15:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


Un applicazione safety-critical è un sistema il cui malfunzionamento potrebbe causare morti, rischi ambientali o semplicemente ingenti perdite di denaro. Esempi di sistemi safety-critical possono essere sistemi di controllo di aerei, di impianti nucleari oppure di reti ferroviarie. Per questi software la comunità europea ha definito degli standard di correttezza, ovvero il software deve essere gantito funzionare in qualunque situazione. In industria per garantire che il prodotto finale rispetti questi standard, durante lo sviluppo vengono applicate delle procedure di verifica del software con lo scopo di trovare ed eliminare gli errori. Dove queste procedure non possono essere applicate la verifica viene ancora fatta attraverso il testing: Il software viene eseguito su un insieme di test cercando di stressare ogni minima parte del codice sorgente(Analisi di Copertura). Il processo di testing è ancora uno dei più costosi per l'industria e si stima che raggiunga circa il 50% del costo totale dell'intero ciclo di sviluppo. Questo è dovuto in larga parte al fatto che il processo di generazione dei test viene ancora eseguito manualmente da persone che hanno una conoscenza profonda del codice sviluppato.

In questa presentazione verrà illustrato un processo per l'automazione della fase di generazione di test per l'analisi di copertura di sistemi Safety Critical. A partire dal codice sorgente e tramite strumenti di Bounded Model Checking verrà mostrato non solo come sia possibile automatizzare il processo di generazione dei test, ma anche come utilizzando questo processo automatico si possano abbassare drasticamente i costi. Questa metodologia viene applicata ad un caso di studio reale, il sistema ERTMS, un sistema di controllo dei treni che, anche se ancora in fase di sviluppo, verrà applicato su tutti i treni europei. Il sistema da noi utilizzato come caso di Studio è stato sviluppato da Ansaldo Segnalamento Ferroviario.

Titolo:   Estrazione Automatica di Ontologie da Librerie Java per Documentazione Machine-readable di API
Relatore:    Dott.  Ombretta Pavarino
Affiliation:   DISI - Università di Genova
Data:   Mercoledì 27 Aprile 2011
Ora:   14:00 - 15:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


La migrazione di codice da una libreria ad una nuova può essere un compito non banale, anche assumendo che la nuova libreria sia solo un upgrade compatibile con la prima.

E' stato pensato un nuovo approccio, per supportare applicazioni in grado di sollevare almeno parzialmente il programmatore da questo onere, basato sull'osservazione del fatto che i nomi di classi, metodi e campi e i commenti contenuti in una libreria Java dovrebbero essere una buona approssimazione della sua semantica, e sul fatto che la conoscenza delle somiglianze semantiche tra due librerie aiuta nella migrazione del codice dall'una all'altra.

Si vuole mostrare come si possa generare automaticamente una ontologia a partire dalle informazioni rilevanti estratte dal codice sorgente della libreria, usando gli strumenti Javadoc e Jena; e come si possano individuare le somiglianze semantiche tra due diverse librerie eseguendo particolari algoritmi di ontology matching (o ontology alignment) sulle due ontologie estratte dalle librerie considerate.

L'estrazione di ontologie può essere completamente automatizzata, e i risultati e gli strumenti prodotti dalla comunità di ricerca del Semantic Web possono essere direttamente riusati in questo nuovo contesto.

Sono stati condotti esperimenti con strumenti open source che implementano vari algoritmi di allineamento, i cui risultati mostrano che l'approccio è promettente, benchè necessiti di miglioramenti; è inoltre in studio l'integrazione di un filtraggio, basato sui tipi, dei risultati ottenuti dagli allineamenti.

Titolo:   Enterprise Project Management and Build Automation Tool(s) in the Real World: MAVEN
Relatore:    Ing.  Alessandro Tiso
Affiliation:   DISI - Università di Genova
Data:   Mercoledì 13 Aprile 2011
Ora:   14:00 - 15:00


La produzione di software pone una serie di problemi che hanno un forte impatto sia sul costo complessivo che sul tempo necessario allo sviluppo e per reagire a nuove richieste.

Alcuni dei problemi che devono essere affrontati sono:

  • la gestione di centinaia/migliaia di artefatti, quali ad esempio, i sorgenti, i file di configurazione ecc, che andranno a comporre i codici eseguibili
  • la verifica del codice, sia da un punto di vista funzionale che qualitativo
  • creare e mantenere aggiornata la documentazione del software e del progetto

Alcuni tools permettono di risolvere in modo efficace questi problemi, uno dei più diffusi è MAVEN.

Durante questo breve seminario daremo una panoramica di MAVEN e del suo utilizzo pratico oltre ad accennare ad una serie di altri tools integrabili con MAVEN al fine di supportare al meglio il ciclo di produzione del software.

Il seminario è di carattere operativo/pratico ed è particolarmente indicato per gli studenti. Il seminario sarà tenuto in italiano.

Titolo:   SOA: dalla Teoria alla Pratica con Strumenti Oracle
Relatore:    Dott.  Maurizio Leotta
Affiliation:   DISI - Università di Genova
Data:   Mercoledì 30 Marzo 2011
Ora:   14:00 - 15:00


L'obiettivo di questo meeting è dare una panoramica di SOA (Service Oriented Architecture) dapprima introducendo brevemente i concetti chiave di questa tipologia di architettura software e successivamente mostrando alcuni tool all'opera. Più in dettaglio l'incontro sarà suddiviso in due parti:

Nella prima parte sarà introdotta SOA, come architettura software adatta a supportare l'uso di servizi Web per garantire l'interoperabilità tra diversi sistemi, i Web Service e i relativi linguaggi correlati quali ad esempio: BPEL e WSDL.

Nella seconda parte si vedranno all'opera alcuni tool Oracle che consentono di sviluppare sistemi SOA. In particolare:

  • Oracle JDeveloper: sviluppo di Web Service ed Orchestratori BPEL
  • Oracle Application Server: esecuzione dei Web Service
  • Oracle BPEL Process Manager: esecuzione degli Orchestratori BPEL

Il seminario è self-contained e per questo particolarmente indicato per gli studenti interessati all'Ingegneria del Software.

Titolo:   Does Research Support the Effectiveness of Test Driven Development?
Relatore:    Dott.  Filippo Ricca
Affiliation:   DISI - Università di Genova
Data:   Mercoledì 16 Marzo 2011
Ora:   14:00 - 15:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


Lo scopo di questo seminario è quello di provare a rispondere alla seguente difficile domanda:

"La ricerca empirica supporta l'efficacia del Test Driven Development?"

Dopo avere introdotto questa particolare (micro) tecnica di sviluppo software ed avere mostrato con un esempio la sua applicazione nel linguaggio Java, verranno analizzati alcuni lavori scientifici cercando di trarre delle conclusioni. Come vedremo una risposta definitiva non esiste.

Il seminario è self-contained e per questo particolarmente indicato per gli studenti interessati all'Ingegneria del Software.

Titolo:   On the Effectiveness of Screen Mockups in Enhancing Use Cases
Relatore:    Dott.  Marco Torchiano
Affiliation:   Politecnico di Torino
Data:   Mercoledì 23 Febbraio 2011
Ora:   12:00 - 13:00
Download:   Presentazione in PDF PDF


Use Cases represent a popular modeling technique amongst practitioners to capture and define requirements in the software development process.

Different techniques, templates, and styles have been proposed in the literature to describe Use Cases.

Over the years, a variety of techniques, templates, and styles for describing Use Cases have been proposed, aiming at offering solutions with high comprehensibility. Some of these introduce screen mockups to increase the comprehension of functional requirements and then promote the communication among stakeholders, analysts, and developers.

We present and discuss a controlled experiment for assessing the effectiveness of including screen mockups when adopting Use Cases. The results indicate a clear improvement in terms of understandability of functional requirements when screen mockups are present with no significant impact on effort.